Wednesday, April 26, 2017

Un aggiornamento sulla Modalità con restrizioni

Sono passate alcune settimane dal nostro ultimo post sulla Modalità con restrizioni, quindi abbiamo pensato di darvi un aggiornamento sulla situazione attuale. La Modalità con restrizioni è una funzione facoltativa che permette di filtrare i contenuti potenzialmente inappropriati per i minori in modo che istituzioni come scuole e biblioteche, nonché gli utenti che preferiscono un'esperienza più limitata, possano offrire l'accesso a YouTube con maggiore tranquillità. Ci teniamo a puntualizzare che la Modalità con restrizioni non serve per filtrare contenuti di persone o gruppi sulla base di attributi quali sesso, identità sessuale, appartenenza politica, razza, religione od orientamento sessuale.

Quali problemi stiamo risolvendo 
A marzo abbiamo scoperto che i nostri sistemi non stavano funzionando come dovevano. Dopo un'indagine approfondita, abbiamo iniziato ad apportare diversi miglioramenti alla Modalità con restrizioni. Abbiamo risolto un problema di natura tecnica a causa del quale i video venivano filtrati erroneamente; adesso 12 milioni di video di tutti i tipi, inclusi su argomenti LGBTQ+, sono disponibili nella Modalità con restrizioni.

Stiamo ascoltando 
Nelle scorse settimane, inoltre, abbiamo parlato con creator e varie organizzazioni per comprendere meglio le loro esperienze e le loro domande. Un aspetto che è emerso chiaramente è stato il desiderio degli utenti di segnalare video che, a loro giudizio, erano stati rimossi erroneamente dalla Modalità con restrizioni. A partire da oggi, metteremo a disposizione un modulo che permette ai creator e agli spettatori di fornirci feedback al riguardo. Utilizzeremo queste informazioni per migliorare il nostro sistema automatico in futuro.

Maggiore trasparenza sul funzionamento della Modalità con restrizioni 
Dalle opinioni raccolte, è emerso anche che molti utenti vogliono semplicemente sapere cosa determina l'esclusione di un video dalla Modalità con restrizioni. Ecco alcune linee guida più chiare a cui i creator dovrebbero pensarese vogliono che i loro video vengano visualizzati nella Modalità con restrizioni:

Discussione ed esposizione di argomenti adatti a un pubblico adulto: 

  • Droghe e alcol: se i protagonisti del video parlano dell'utilizzo o dell'abuso di droghe o assumono alcol, probabilmente il video in questione non sarà disponibile nella Modalità con restrizioni. 
  • Sesso: anche se conversazioni chiare e istruttive sull'educazione sessuale potrebbero essere inserite nella Modalità con restrizioni, è probabile che dialoghi troppo dettagliati concernenti il sesso o attività sessuali vengano rimossi. Questo è uno degli argomenti più difficili su cui addestrare il nostro sistema e il contesto ha un'importanza fondamentale. Se un video musicale presenta argomenti adatti a un pubblico adulto come il sesso [o l'utilizzo di droghe], il video in questione probabilmente non sarà disponibile nella Modalità con restrizioni. 
  • Violenza: se un video contiene descrizioni esplicite di violenza, azioni violente, disastri naturali e tragedie, o persino situazioni violente riportate nelle notizie, probabilmente non sarà visualizzabile nella Modalità con restrizioni.
  • Argomenti adatti a un pubblico adulto: i video che trattano dettagli specifici di eventi correlati a terrorismo, guerra, crimini e conflitti politici che hanno provocato morti o feriti gravi potrebbero non essere disponibili nella Modalità con restrizioni, anche se non vengono mostrate immagini esplicite. 
  • Linguaggio osceno e adatto a un pubblico adulto: anche un linguaggio inappropriato contenente espressioni volgari come “Ca**o” comporterà probabilmente l'esclusione del video dalla Modalità con restrizioni.

Grazie a voi, la nostra community di fan e creator, abbiamo compiuto dei passi avanti nelle scorse settimane. Sebbene la Modalità con restrizioni non potrà mai essere perfetta, speriamo di poter progredire ulteriormente per rendere i nostri sistemi più accurati e migliorare l'esperienza complessiva offerta dalla Modalità con restrizioni con il tempo.

Johanna Wright, VP of Product Management, YouTube

Thursday, May 29, 2014

Le ultime notizie per i creativi direttamente nella dashboard

Nel corso degli ultimi mesi, abbiamo notato che un numero limitato di utenti ha visitato questo blog per leggere le ultime notizie rivolte ai creativi su YouTube.
Abbiamo pensato a quale potesse essere il modo migliore per offrirvi le informazioni e siamo lieti di comunicarvi che da ora in poi potrete trovare aggiornamenti e notizie direttamente nella vostra dashboard di YouTube.
Questo sarà quindi l'ultimo post pubblicato su questo blog, tuttavia ci auguriamo che troverete gli aggiornamenti futuri altrettanto utili e istruttivi. Non dimenticate di farci sapere la vostra opinione in merito utilizzando l'apposito link presente nella dashboard.
Verne Smith, creator communications lead, di recente ha guardato The Science of Godzilla.

Thursday, May 8, 2014

Rendete più riconoscibile il vostro canale utilizzando i nuovi video introduttivi

Tutti conoscono il potere di un'introduzione ben fatta. Immaginate di guardare I Simpsons senza la leggendaria sequenza iniziale. Non sarebbe lo stesso, vero?
Molti di voi ci hanno chiesto di escogitare un modo per creare introduzioni più efficaci da inserire nei vostri video, allo scopo di offrire ai fan un'immagine più coerente del vostro brand. Bene, detto fatto. A partire da oggi, potrete aggiungere automaticamente un video introduttivo della durata massima di tre secondi all'inizio di ogni video presente nel vostro canale.
Per configurare questa funzione, basta seguire tre semplici passaggi:
Caricate il video introduttivo di tre secondi che volete utilizzare sul vostro canale come video non in elenco.
Nella pagina Programmazione InVideo del vostro canale, fate clic su "Aggiungi un'introduzione per il branding del canale" e selezionate l'introduzione da un elenco di video idonei.
Selezionate i video in cui desiderate che venga visualizzata l'introduzione. Potete scegliere se aggiungerla a tutti i video o solo a quelli che avete aggiornato dopo una certa data. Potete sempre rimuovere o modificare l'introduzione in un secondo momento.
Tenete presente che queste introduzioni non possono essere utilizzate come annunci, sponsorizzazioni o posizionamenti di prodotti. Inoltre sconsigliamo l'utilizzo di questa funzione nei canali che impiegano i propri video come annunci.
Come sempre ci interessa la vostra opinione su questa nuova funzione. Inviateci il vostro feedback dalla dashboard di YouTube oppure tramite Google+ o Twitter.
John Gregg, Software Engineer, che di recente ha guardato "Submissions Only".

Tuesday, May 6, 2014

Nuovi rapporti sulle playlist in YouTube Analytics

Di recente, abbiamo apportato delle modifiche a YouTube per offrirvi playlist migliori, con nuove funzioni come la possibilità per gli spettatori di creare raccolte delle loro playlist preferite e accedervi direttamente dalla Guida.
Sia che creiate video di argomenti diversi o curiate video di altri creativi, raccogliere i vostri video in playlist consente agli spettatori di trovare facilmente ciò che cercano ed è anche un ottimo modo per incoraggiarli a scoprire altri vostri video.
Oggi siamo lieti di annunciare una serie di nuovi rapporti disponibili in YouTube Analytics, che vi consentiranno di scoprire in che modo le playlist contribuiscono al rendimento del vostro canale. Potrete anche vedere il numero complessivo delle visualizzazioni dei video delle vostre playlist, quante volte i vostri spettatori hanno iniziato a vedere una playlist, il tempo medio di visualizzazione e altro ancora.
I dati sono disponibili a partire dal 1° febbraio 2014. Consultate le statistiche a livello di canale e di rete cercando direttamente una playlist o selezionando la visualizzazione "Playlist".
Per saperne di più, consultate il nostro Centro assistenza e scoprite i nuovi dati oggi stesso. Potete, come sempre, inviare il vostro feedback su questa funzione utilizzando il link per i commenti nella barra laterale sinistra o lasciare un commento nella community Google+ di YouTube Analytics.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo delle playlist, leggete i consigli di un esperto, ovvero il presentatore di Vsauce2, Kevin Lieber.

Ted Hamilton, YouTube Product Manager, di recente ha guardato Russian Roulette: The Invasion of Ukraine

Thursday, February 27, 2014

Più importanza per le playlist e un nuovo look per YouTube

Il modo in cui guardate YouTube cambia sempre, ecco perché stiamo effettuando alcune modifiche per stare al passo con voi. A partire da oggi noterete alcune novità introdotte per facilitare la ricerca dei contenuti desiderati su YouTube e la creazione di raccolte di playlist da guardare tutte le volte che volete.
Aggiungete "Mi piace" a una playlist e guardatela in qualsiasi momento
Volete trovare rapidamente le vostre playlist o salvare la playlist dei video musicali preferiti di Aloe Blacc? La Guida ora contiene tutte le playlist che avete creato e le playlist di altri canali che vi sono piaciute. Quando create una playlist, vedrete una nuova pagina che ne agevola la modifica. E se siete alla ricerca di nuove playlist dai vostri canali preferiti, date uno sguardo alla nuova scheda Playlist disponibile all'interno dei canali, come questa di YouTube Nation.


Un nuovo look!
YouTube ha ora un look allineato al centro che si adatta perfettamente alle dimensioni di qualsiasi schermo e riprende la visualizzazione tipica delle app mobile, ormai utilizzate tanto quanto il normale sito per accedere a YouTube. Ora potete passare velocemente dai video consigliati e più popolari nella sezione "Che cosa guardare", come Timber di Postmodern Jukebox, alle ultime novità dei canali a cui siete iscritti, come iamOTHER, nella sezione "Le mie iscrizioni": entrambe le opzioni sono infatti ora posizionate al centro dello schermo. In qualsiasi momento, potete fare clic sull'icona della Guida situata a destra del logo di YouTube per vedere le vostre playlist, le iscrizioni e molto altro ancora.


Per ulteriori informazioni visitate il Centro assistenza.

Yining Zhao, Web Developer, ha guardato di recente "18 Great Books You Probably Haven't Read"

Wednesday, February 19, 2014

Tutelare l'autenticità delle visualizzazioni su YouTube

YouTube non è solo un sito dove guardare video, è anche un luogo di interazione tra persone. Le visualizzazioni, i "Mi piace" o i commenti sono tutte interazioni che mostrano e delineano il modo in cui i creativi interagiscono con il loro pubblico. Per questo motivo prendiamo molto seriamente l'accuratezza di queste interazioni. Quando qualcuno cerca di ingannare il sistema gonfiando in modo artificiale il numero delle visualizzazioni, non solo mente agli utenti sulla reale popolarità di un video, ma compromette una delle qualità più preziose e importanti di YouTube.

Nel quadro del nostro costante impegno nel mantenere YouTube un luogo autentico e ricco di interazioni significative, abbiamo iniziato a effettuare verifiche periodiche delle visualizzazioni generate dai video. Mentre in passato analizzavamo le visualizzazioni quando veniva segnalata la possibilità di spam, da oggi convalideremo periodicamente il numero di visualizzazioni dei video, rimuovendo le visualizzazioni fraudolente, via via che acquisiremo nuove prove. Riteniamo che questo approccio interesserà solo una minima parte dei video presenti su YouTube, ma siamo convinti che sia cruciale per migliorare l'accuratezza dei conteggi delle visualizzazioni e per conservare la fiducia dei nostri fan e creativi.

In quanto creativi di YouTube, vi chiediamo di prestare particolare attenzione quando collaborate con società di marketing esterne; alcune di queste potrebbero vendervi delle visualizzazioni false. Se avete bisogno di aiuto per la promozione del vostro video, consultate i nostri post su come collaborare con fornitori di servizi di visualizzazione terzi e come incrementare le visualizzazioni su YouTube.


Monday, February 3, 2014

4 suggerimenti per creare cortometraggi che tutti vorranno condividere

Come si fa a realizzare un cortometraggio così straordinario da indurre le persone a condividerlo immediatamente con i propri amici? Ecco 4 suggerimenti di alcuni dei più bravi videomaker su YouTube.
Lasciate il segno
Il cortometraggio di Casey Neistat dal titolo "The Dark Side of the iPhone 5S Lines" lascia intravedere un aspetto solitamente nascosto dell'ossessione della nostra società per la tecnologia. Con il suo stile documentaristico, il filmato racconta un'intera storia in sei minuti e l'inaspettato finale imprime nella mente degli spettatori un'immagine così potente da spingerli a voler fare subito clic su "Condividi".

Trovate la vostra nicchia
Il cortometraggio "Portal: Survive! (Live-Action Short)" è basato sul popolare videogioco Portal e ha un pubblico composto principalmente dai moltissimi appassionati di questo gioco. Nella sezione dei commenti, i fan di Portal citano le loro battute preferite, intrattengono fervide discussioni sul gioco e chiedono altri filmati che abbiano come argomento Portal. Considerato che ad oggi ne sono state vendute oltre 4 milioni di copie, si tratta di una considerevole fetta di pubblico.


Trovate un punto di contatto con il vostro pubblico
Il cortometraggio "I Forgot My Phone" mette in luce un fenomeno tipico della nostra società in cui la maggior parte degli spettatori può riconoscersi. Quando un filmato mostra qualcosa che gli spettatori possono ritrovare nella loro esperienza di vita, il desiderio di condividerlo e di lasciare un commento è irrefrenabile. Quali pensate che potrebbero essere i commenti delle persone che pubblicano questo video sui social media?

L'attualità prima di tutto
Nel cortometraggio "3D Printed Guns (Documentary)", il team di Vice affronta l'argomento estremamente controverso del controllo delle armi associandolo a una delle tecnologie del momento, la stampa 3D. Le informazioni contenute in questo cortometraggio mettono in discussione il concetto stesso di controllo delle armi. Il filmato è stato pubblicato proprio nel momento di massimo clamore intorno all'argomento.

Come vediamo da questi cortometraggi, scegliere l'argomento giusto è un fattore determinante per indurre a condividere il filmato. Per ulteriori informazioni sulla creazione di contenuti che facciano presa sul pubblico, date uno sguardo al nostro Creator Playbook.
Jeremy Kaye e Devin McNulty, Programming Strategy, di recente hanno guardato "Arnold Works at Gold's".